giovedì 30 agosto 2012

La crisi del settimo anno


Quante volte la massima “è la crisi del settimo anno”, ha giustificato un momento di impasse nella nostra vita affettiva.
Personalmente, lo estenderei anche alla vita professionale: è
ciò  che è accaduto a me!
Dopo sette anni vissuti serenamente sul luogo di lavoro, con intorno persone care, in un ambiente conosciuto, ho sentito il bisogno di lasciare la “vecchia” realtà  per misurarmi con una nuova.
Certo, il mio è un salto nel buio; lo so!
Ma ad un tratto NON mi sono piaciuta più, non ero più io.
Dopo anni si diventa, per gli altri, scontati. Tutti di te hanno la stessa opinione e ti ripetono la bella e brava persona che sei, la tua solarità, la tua professionalità e discrezione.
Nessuno va oltre  quelle  tue doti e guai a mostrarsi “diversa” o meglio, a far vedere l’altro tuo lato ,che pure c’è, ESISTE e viene sollecitato dagli stimoli esterni.
Noi esseri umani non possiamo essere scontati, ma siamo in continuo divenire che è dato da tanti fattori: età, esperienze,  ambiente circostante…
Siamo duttili e dinamici e soprattutto LIBERI!
Ho sentito, così, il bisogno di nuova linfa per non appassire.
Non sempre siamo tenuti a farci apprezzare per le nostre buone qualità: gli altri devono accettare anche i nostri momenti “down”, le nostre manifestazioni meno edificanti, ma tanto umane.
Sarebbe bello essere amati e amare tutti senza condizioni, ma è impossibile: saremmo in” odore di santità”.
Meglio, dunque, ricominciare con altri stimoli e lasciar fare al tempo e, se non dovesse andar bene, possiamo cambiare ancora…
Condizionati sì, ma liberi dentro!
Un saluto a voi.  Marta



9 commenti:

  1. Hai ragione, ci vuole coraggio per cambiare.
    Dalle tue parole sembra che tu ce l'abbia.
    E' facile non mettersi in discussione per non avere problemi: lasciare che tutto scorra.
    Carina l'immagine di Linus postata.
    Auguri per tutto.
    Mariella

    RispondiElimina
  2. ciao marta!
    sono d'accordo con te....io mi sono messa in gioco spesse volte, 2 anni fa sono venuta a lavorare al bar .....quì ho imparato a fare tutto, barista , cameriera e cuoca!
    mai fermarsi :-))))
    un bacione!
    non ti vedo più in giro :-( ricordi il mio link?
    te lo lascio http://papavero.style.it/
    un bacio♥

    RispondiElimina
  3. Carissima Nadione, eccoti finalmente.
    Certo che ricordo il tuo link, ma come ho spiegato a Paola, quando digito i vostri indirizzi blog(tuo,di Maria, Paola e Lucietta) non mi è più permesso accedervi: mi esce una scritta in inglese che dice che il sito non può essere trovato. Ma leggo benissimo gli altri, es Sugar Cane. Non so cosa sia accaduto!!
    Comunque è stato un piacere risentirti, spero di continuare e che si risolva il problemino. Baci

    RispondiElimina
  4. Nadione, il commento era il mio.
    Scusami

    RispondiElimina
  5. Concordo su tutto e in questo periodo sono proprio in sintonia con quanto hai scritto.
    Quanto alla liberà, be', non ho mai potuto farne a meno. Se mi sento in gbbia io fuggo proprio!!

    RispondiElimina
  6. Marta- Nonna paperetta5 settembre 2012 16:04

    Grazie Paola per la tua comprensione. Mi fa piacere che tu sia d'accordo con me.
    Continuo ad avere problemi con i vostri blog, anzi ora salta addirittura la connessione ad internet, quando cerco di accedervi.
    Un saluto caro e a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ara Marta, credo che il problema però non siano i blog, peché io riesco a leggere sia dal pc fisso, che dal portatile, che dallo smartphone. Da lì però non riesco a scrivere, ma perchè sono imbranata col tastierino.
      :-)
      Spero tu possa risolvere il problema presto, per me e per gli altri.
      Invece confesso che la piattforma blogspot con il codice da inserire per commentare mi piace pochino :-((

      Elimina
    2. Nonna paperetta6 settembre 2012 13:43

      Cara, ho fatto il tentativo di cui ti ho parlato. Inutile!
      Addirittura mi dice che "è impossibile visualizzare la pagina web". Forse ho proprio problemi con style!
      Tu che sei esperta, fammi sapere dove potrebbe essere il GUAIO.
      Ti abbraccio

      Elimina
  7. Nonna paperetta6 settembre 2012 13:32

    Carissima Paola,
    hai ragione sulla difficoltà di inserimento codice blog(sai quante volte lo devo ridigitare?). Il blog, nei ritagli di tempo, me lo ha "costruito" mio marito, vedremo se c'è qualcosa di più accattivante.
    Il resto non saprei, giuro che digito correttamente, altrimenti non riuscirei ad aprire gli altri.
    Sai cosa farò? Proverò ad inviare un commento magari a "Sugarcane" e vedremo...
    Baci e a presto

    RispondiElimina